Info e contatti

Analisi della concorrenza online: gli strumenti di web marketing

Spesso in sede di consulenza gli imprenditori che mi contattano sono piuttosto incerti sulla loro presenza online perché non sanno se è adeguata, se porta loro i giusti ritorni, se è sufficiente quello che fanno o se potrebbero fare e ottenere di più: uno dei modi per chiarire le idee è quello di fare un’analisi della concorrenza online.

Se anche tu hai questi dubbi non preoccuparti: il web marketing è una disciplina relativamente giovane in Italia e tutte queste incertezze derivanti da una scarsa conoscenza delle dinamiche di Internet sono più che giustificate.

Uno dei modi in cui puoi farti un’idea del mercato online e di come lo stai approcciando è quello di fare spesso dei confronti con la tua concorrenza.

A cosa ti serve l’analisi della concorrenza online?

L’analisi della concorrenza sul web riveste una grande importanza sia per chi si occupa di web marketing sia, soprattutto, per gli imprenditori che investendo su Internet vogliono conferme sull’efficacia del lavoro svolto ma anche dei riferimenti su come affrontare il complesso tema della pubblicità online.

Un adeguato monitoraggio dei competitor oltre a essere una normale pratica di marketing ti serve anche a trovare spunti e nuove idee su cosa fare per aumentare la tua visibilità. Attraverso l’analisi della concorrenza online puoi ad esempio:

  1. scoprire competitor che operano nel tuo stesso settore ma di cui ignoravi l’esistenza
  2. tenere d’occhio i concorrenti di cui conosci l’identità
  3. scoprire le loro strategie SEO, ossia di posizionamento sui motori di ricerca (con quali parole chiave si sono posizionati? Sono chiavi che rendono in termine di visite e richieste?)
  4. visualizzare le loro attività di traffico a pagamento tramite Pay Per Click (PPC) su Google Adwords o altri circuiti pubblicitari
  5. farti un’idea di quanto investono online
  6. capire quali canali sfruttano e con quale grado di successo
  7. scoprire quante pagine indicizzate hanno i loro siti
  8. visualizzare i siti da cui vengono linkati e scoprire quindi nuove fonti di visibilità
  9. capire il loro andamento nel tempo: sono in crescita o in calo? Stanno investendo di più o di meno in visibilità? Stanno ottenendo riscontri in termini di traffico?

Tutti questi dati possono servirti per fare un raffronto su quanto stai facendo tu stesso e darti un valido metro di paragone anche per valutare l’operato del tuo staff o dell’agenzia che ti cura il web marketing, a cui potrai anche fornire degli obiettivi chiari in sede di analisi e definizione degli obiettivi.

Infatti, un conto è un generico “voglio più richieste dal web”, tutt’altro conto è “voglio posizionarmi per queste chiavi e condurre una campagna Adwords su queste altre perché il mio concorrente Tal de’Tali lo fa e so già che funziona”. Con il conseguente risparmio operativo in termini di tempo e individuazione del budget.

Come si fa un’analisi dei competitor online?

Al momento il miglior strumento di analisi della concorrenza è Semrush: tra quelli che ho provato è sicuramente il più intuitivo e quello che presenta una mole di dati molto vasta e semplice da interpretare.

Si tratta di un sito americano, per fortuna tradotto anche in italiano, che a partire dall’indirizzo di un sito web inserito dall’utente restituisce una lunga serie di informazioni sul posizionamento su Google, le pagine indicizzate, la concorrenza, il traffico a pagamento, l’andamento dei profili social, gli eventuali problemi di indicizzazione da risolvere e molte altre cose ancora.

Quello che qui ci interessa, relativamente all’analisi della concorrenza, è che tramite Semrush puoi fare due cose:

1 inserire l’indirizzo del tuo sito web e avere un grafico in cui vengono riportati i tuoi concorrenti principali (nella sezione chiamata mappa di posizionamento della concorrenza) e per ognuno di questi un elenco dettagliato sugli accessi al sito, le pagine principali, l’andamento nel tempo, le parole chiave acquistate

2 inserire direttamente l’indirizzo web di un concorrente che già conosci e ottenere gli stessi dati più nel dettaglio, oltre che una lista di suoi competitor online, lista che non coincide necessariamente con quella del tuo sito.

Chiarisco quest’ultimo punto con un esempio pratico: un negozio di mobili di Roma che vende online ha interesse a conoscere e monitorare due tipi di competitor, ossia gli altri negozi di arredamento di Roma e chi vende mobili online in generale.

Se però un competitor vende mobili a Roma ma non fa ecommerce, potrebbe avere tra i suoi concorrenti negozi monomarca di determinati brand o fabbriche di arredi su misura presenti sul territorio lombardo.

Di conseguenza, specificando prima il proprio indirizzo web e successivamente quello di un concorrente, Semrush può restituirti un’idea più approfondita di quello che accade nel mercato online e soprattutto quanti utenti finali coinvolge.

Sicuramente la domanda che ora ti stai facendo è: ma se io posso vedere l’andamento online degli altri, loro possono vedere il mio?

La risposta è ovviamente sì: se sei visibile su Google, sia in maniera “naturale” che a pagamento (campagne di posizionamento sui motori di ricerca o Pay per Click con AdWords), è possibile visualizzare una gran mole di dati sulla tua attività, e così come tu puoi prendere spunto dagli altri, loro possono farlo da te, altro importante motivo per fare periodicamente un controllo della concorrenza.

Un’altra caratteristica molto utile di Semrush è che permette l’export dei dati in pdf pianificabili (ossia che può inviarti periodicamente via mail senza che tu debba far nulla), molto utili quando devi fare riunioni di marketing o hai bisogno di dati per stabilire e comunicare degli obiettivi da raggiungere a chi ti cura il web marketing, e indispensabili quando si fanno analisi sull’ottenimento dei risultati.

La bella notizia è che Semrush è parzialmente gratuito nella versione base e chiede per le versioni più complete dei canoni mensili piuttosto economici, specie per chi si trova a gestire fino a 5 siti.

Se Semrush risulterà di tuo gradimento e vorrai qualche informazione aggiuntiva sulle funzioni o la sua configurazione (peraltro molto semplice e intuitiva) puoi contattarmi, sono comunque certo e lieto di averti fornito una risorsa che diventerà un costante punto di riferimento per il tuo web marketing e ti invito, qualora volessi, a leggere le altre guide del mio sito.

Summary
Article Name
Analisi della concorrenza online: gli strumenti di web marketing
Description
Un'analisi della concorrenza online si può fare con diversi strumenti e piattaforme: la migliore a oggi è SemRush
Author